La prima Giornata Mondiale dei nonni e degli anziani in Santuario il 25 luglio

Papa Francesco ha deciso di istituire in tutta la Chiesa la celebrazione della Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani che si terrà a partire da quest’anno la quarta domenica di luglio, in prossimità della memoria liturgica dei santi Gioacchino ed Anna, nonni di Gesù.

Domenica 25 luglio alle ore 17,30, dunque, il Vescovo Marco presiederà la Santa Messa nel nostro Santuario. Ai nonni e agli anziani che parteciperanno verrà distribuito il messaggio del Papa unitamente ad alcune spighe di grano perché l’anziano che pur ha già fatto molto per la Chiesa e per la società, è ancora chiamato a testimoniare il Vangelo.


La pandemia è stata una tempesta inaspettata e furiosa, una dura prova che si è abbattuta sulla vita di ciascuno, ma che a noi anziani ha riservato un trattamento speciale, un trattamento più duro. Moltissimi di noi si sono ammalati, e tanti se ne sono andati, o hanno visto spegnersi la vita dei propri sposi o dei propri cari, troppi sono stati costretti alla solitudine per un tempo lunghissimo, isolati

Papa Francesco, messaggio ai nonni e agli anziani


La Madonna del Portone pellegrina

In occasione della prima Giornata Mondiale dei nonni e degli anziani, la Beata Vergine del Portone sarà portata pellegrina presso alcune case di riposo della città di Asti, dal rettore e da alcuni volontari del Santuario, in collaborazione con l’Ufficio diocesano per la Pastorale della Salute. Sabato 24 alle ore 9.30 presso la casa Mons. Marello; domenica 25 alle ore 15 presso la casa Madre Venezia e alle ore 15.30 presso la casa P.F. Sacro Cuore.

Indulgenza plenaria

In occasione della prima Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani, viene concessa l’Indulgenza Plenaria, alle consuete condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice):

1) ai nonni, agli anziani e a tutti i fedeli che, motivati dal vero spirito di penitenza e carità, parteciperanno il 25 Luglio 2021 alla solenne celebrazione che il Santo Padre Francesco presiederà nella Basilica Vaticana oppure alle diverse celebrazioni della Giornata che si svolgeranno in tutto il mondo, i quali potranno applicarla anche come suffragio alle anime del Purgatorio.

2) ai fedeli che dedicheranno del tempo adeguato a visitare in presenza o virtualmente i fratelli anziani bisognosi o in difficoltà (come i malati, gli abbandonati, i disabili e simili).

3) agli anziani malati e tutti coloro che, impossibilitati di uscire dalla propria casa per grave motivo, si uniranno spiritualmente alle celebrazioni della Giornata Mondiale.